Tutti gli articoli di admin

Champions League Real Madrid-Napoli 3-1, il tabellino

Champions League
Champions League Real Madrid-Napoli 3-1, il tabellino
© AP

I dati della gara valida per gli ottavi di finale

Sullo stesso argomento

MADRID – Il Real si impone sul Napoli al Bernabeu: partenopei avanti con Insigne, poi la rimonta firmata Benzema, Kroos e Casemiro.

TUTTO SULLA CHAMPIONS

NUMERI E STATISTICHE

REAL MADRID (4-3-3): Navas; Carvajal, Varane, Sergio Ramos (26′ st Pepe), Marcelo; Modric, Casemiro, Kroos; James Rodriguez (31′ st Lucas Vazquez), Benzema (37′ st Morata), Ronaldo. A disp.: Kiko Casilla, Nacho, Kovacic, Isco. All. Zidane.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski (30′ st Allan), Diawara, Hamsik (39′ st Milik); Callejon, Mertens, Insigne. A disp.: Rafael, Maksimovic, Maggio, Jorginho, Giaccherini. All. Sarri.

ARBITRO: Skomina (SLO)

MARCATORI: 8′ pt Insigne (N), 18′ pt Benzema (R), 4′ st Kroos (R), 9′ st Casemiro (R).

NOTE: Ammoniti: Ramos, Modric (R); Zielinski, Mertens (N). Recupero: 1′ pt, 3′ st. 

Champions League, Ancelotti ipoteca i quarti: Bayern Monaco-Arsenal 5-1

Champions League
Champions League, Ancelotti ipoteca i quarti: Bayern Monaco-Arsenal 5-1
© REUTERS

Sanchez risponde a Robben nel primo tempo, ma nella ripresa si scatenano Lewandowski, Thiago (doppietta) e Müller

Sullo stesso argomento

ROMA – Tutto facile per il Bayern Monaco di Carlo Ancelotti, che in casa non sbaglia e trova una larga vittoria nell’andata degli ottavi di Champions League contro l’Arsenal. I bavaresi all’Allianz Arena si sono imposti infatti per 5-1, trascinati nel secondo tempo da Lewandowski (gol e assist di tacco) e Thiago Alcantara (doppietta). Appena 20 minuti all’altezza degli avversari invece per i Gunners allenati da Wenger, capaci di portarsi sull’1-1 con Sanchez (rigore sbagliato e gol sulla respinta per il cileno) ma che nella ripresa non sono riusciti ad opporsi alle bordate dei padroni di casa.

CRONACA E TABELLINO

VANTAGGIO BAYERN – Il Bayern comincia subito forte, pressando gli avversari e chiudendoli nella propria metà campo. All’8′ arriva infatti il primo tiro in porta, ad opera di Vidal che però da fuori non riesce a impegnare Ospina. Il vantaggio arriva però pochi minuti più tardi, all’11’, quando Arjen Robben tira fuori la specialità della casa, accentrandosi dalla destra e disegnando un arco perfetto di sinistro, col pallone telecomandato che si infila all’incrocio dei pali scatenando il pubblico bavarese. La pressione dei padroni di casa non si attenua con l’1-0, e l’Arsenal fatica a farsi vedere davanti.

PARI ARSENAL – Il primo squillo degli inglesi arriva al 27′, con Ozil che su punizione dal limite dell’area trova la respinta corta di Neuer: sul pallone si avventano gli attaccanti dell’Arsenal, sorpresi però in fuorigioco. Appena 2 minuti più tardi arriva però l’episodio che sembra cambiare l’inerzia della partita: agli inglesi viene infatti fischiato un rigore per fallo di Lewandowski su Koscielny, bravo ad anticipare il polacco e a farsi atterrare sugli sviluppi di un calcio d’angolo. A battere va Alexis Sanchez, che però dal dischetto si fa ipnotizzare da Neuer: sulla respinta il cileno cicca il tiro, ma riesce a controllare nuovamente il pallone, griandolo in rete al terzo tentativo. L’Arsenal trova quindi il pareggio e comincia a farsi vedere con più frequenza nell’area avversaria: al 40′ Xhaka riesce a coordinarsi benissimo al volo da centro area, ma il tiro è centrale e Neuer riesce a bloccare. Nel recupero del primo tempo poi altro brivido per i tifosi di casa, con Ozil che affonda dalla sinistra e arriva al tiro, trovando però ancora la respinta del portiere tedesco.

3 GOL IN 10 MINUTI –  Nella ripresa è però il Bayern a tornare prepotentemente davanti: al 53′ Lahm dalla destra mette il cross morbido e a centro area Lewandowski sovrasta Mustafi e di testa riporta avanti i suoi. Appena 3′ più tardi arriva poi il 3-1 firmato da Thiago Alcantara, anche se decisivo risulta ancora una volta Lewandowski, che realizza un assist spettacolare di tacco. L’Arsenal accusa l’uno-due devastante dei bavaresi e al 61′ rischia ancora. Lewandowski si porta Ospina a spasso per l’area, si gira e prova a piazzarla, ma la palla si stampa sulla parte superiore della traversa e sulla ribattuta il tiro di Robben viene deviato in angolo. Un minuto più tardi Ospina compie un autentico miracolo sul colpo di testa da distanza ravvicinata di Javi Martinez, ma al 63′ non può nulla sul tiro da fuori dello stesso Thiago Alcantara, sul quale risulta però decisiva una deviazione di Xhaka. L’apnea dei Gunners continua (ci prova anche Vidal da fuori, Ospina in angolo) e i tedeschi continuano a spingere. All’81’ Ospina evita due volte un passivo peggiore, salvando prima su Robben e poi con un miracolo sul tiro angolato di Douglas Costa. All’88’ arriva però il definitivo 5-1, che lascia ben poche speranze all’Arsenal in vista del ritorno: a firmarlo è il subentrato Müller, che riceve palla da Thiago, se la mette sul sinistro e calcia in rete praticamente da fermo.

QUARTI IN TASCA –  Le statistiche finali raccontano il massacro avvenuto nel secondo tempo all’Allianz Arena, coi bavaresi col 70% di possesso palla, 24 tiri complessivi dei quali 11 in porta. I Gunners escono dal campo scuri in volto e si preparano ad un ritorno ai limiti dell’impossibile. Può invece essere soddisfatto dei suoi Carlo Ancelotti, che ipoteca un posto ai quarti di finale già dopo i primi 90′.

TUTTO SULLA CHAMPIONS

Insigne carica il Napoli: «Al San Paolo lotteremo»

Champions League
Insigne carica il Napoli: «Al San Paolo lotteremo»
© REUTERS

L’attaccante napoletano, a segno al Santiago Bernabeu: «Differenza col Real Madrid solo nel risultato: grande prestazione, ci dà forza per il ritorno»

Sullo stesso argomento

ROMA – «Al di là del risultato abbiamo fatto una grande partita». Vede il lato positivo Lorenzo Insigne, autore del gol che ha sbloccato il match al Santiago Bernabeu e che consente ai partenopei di mantenere una spernza di passaggio ai quarti. «Devo fare i complimenti a tutti – continua l’attaccante napoletano al termine della sconfitta per 3-1 col Real Madrid, abbiamo lottato fino alla fine. Peccato per il risultato, ma ora abbiamo il ritorno al San Paolo dove lotteremo per tutti i 90 minuti. Il Real Madrid è una grande squadra, è Campione del Mondo e giocano con 11 fenomeni. Siamo venuti qui e abbiamo lottato contro una grande squadra. La differenza così ampia con loro si è vista solo nel risultato: la nostra prestazione ci darà forza per continuare a lavorare e a dare il massimo».

REAL-NAPOLI 3-1

FOTO – LO SPLENDIDO GOL DI INSIGNE:

Champions League Napoli, De Laurentiis: «Squadra senza cazzimma, ma al San Paolo sarà un'altra storia»

Champions League
Champions League Napoli, De Laurentiis: «Squadra senza cazzimma, ma al San Paolo sarà un'altra storia»
© ANSA

Il presidente deluso dopo il 3-1 di Madrid: «Insigne unico adeguato, ci è andata di lusso, poteva finire peggio»

Sullo stesso argomento

MADRID (Spagna) – Aurelio De Laurentiis non è per nulla contento della prestazione del suo Napoli al Bernabeu: “Ai ragazzi è mancata la cazzimma, l’unico che ha dimostrato di averla è Insigne, che ha fatto un gol meraviglioso – dice il presidente a Premium -. Gli altri non esistevano, erano come bloccati di fronte a questo mostro sacro che si chiama Real Madrid, che pure non ha giocato in maniera straordinaria. La nostra inadeguatezza poteva fargli chiudere la partita anche sul 5-1. Ci è andata di lusso. Nulla, però, è perso: al ritorno al San Paolo sarà una bolgia, tutta un’altra storia”.

Real Madrid-Napoli 3-1

LA CRITICA – De Laurentiis non vuole commentare le scelte di Sarri, ma qualcosa si lascia sfuggire. “Forse si pretende troppo da giocatori che non dovrebbero svolgere un certo ruolo (Mertens, ndr). Forse senza l’infortunio di Milik si sarebbe visto un altro Napoli. Questa sconfitta, comunque, è salutare: ci fa crescere e migliorare”. 

Zeman apre al Pescara: «Un mio ritorno? Tutto può succedere…» 

Calciomercato
Zeman apre al Pescara: «Un mio ritorno? Tutto può succedere...» 
© ANSA

Il boemo oggi a pranzo con Sebastiani: «I rapporti con il presidente non sono cambiati, ma non è il momento per sbilanciarsi»

Sullo stesso argomento

PESCARA – Zdenek Zeman torna a Pescara? La clamorosa suggestione di calciomercato è trapelata ieri a poche ore dall’esonero di Massimo Oddo che era stato paradossalmente appena confermato, e oggi è lo stesso boemo ad aprire le porte a un suo bis alla guida degli abruzzesi portati in Serie A nella stagione 2011/12, quando l’allenatore ex di Lazio e Roma portò alla consacrazione gli allora giovanissimi Verratti, Insigne e Immobile. «Se ho accettato la proposta? La proposta era di mangiare e l’ho accettata – ha dichiarato oggi Zeman . Siamo andati a mangiare, si mangia bene. I rapporti con Sebastiani sono come sempre. Se c’è la possibilità di allenare il Pescara? Tutto può succedere… non mi sbilancio perche’ ora non c’è da sbilanciarsi».

VERRATTI SU SEBASTIANI – Una lancia in favore di Sebastiani intanto l’ha voluta spezzare proprio Marco Verratti, che nel Pescara è cresciuto prima di spiccare il volo verso il Paris Saint-Germain con cui ieri ha travolto il Barcellona (battuto 4-0 al Parco dei Principi): «A Pescara dovrebbero fargli una statua. Ha portato due volte la squadra in A e le sta sempre vicino. Questa è stata un’annata sfortunata, ma non è solo colpa di Oddo che resta un ottimo allenatore»

PESCARA, ALTA TENSIONE: BRUCIATE DUE AUTO DEL PRESIDENTE SEBASTIANI (VIDEO)

 

Dybala e la mancata stretta di mano ad Allegri: «Errore che non si ripeterà»

Juventus
Dybala e la mancata stretta di mano ad Allegri: «Errore che non si ripeterà»
© LaPresse

L’attaccante argentino sicuro: «Ho imparato la lezione»

Sullo stesso argomento

ROMA – La mancata stretta di mano fra Paulo Dybala e Massimiliano Allegri (RIVEDI QUI LA SEQUENZA) nel match fra Sassuolo e Juventus è una cosa che non si ripeterà più. Ripreso e bacchettato dai compagni di squadra, la Joya ha pubblicamente fatto il mea culpa. «Ho imparato la lezione, la mancata stretta di mano con il mister è un errore che non si ripeterà più». Queste le parole dell’attaccante riportate da Sky Sport.

Poi il discorso passa al campo, in vista della partita contro il Palermo che per lui sarà speciale visto che in Sicilia è praticamente diventato calciatore convincendo la Juventus a farne il perno su cui ruotano i progetti futuri. «In Sicilia ho vissuto momenti bellissimi, con tanto calore e la gente che mi voleva bene». Il presente però è a tinte bianconere: «Con il cambio di modulo Allegri mi chiede di non restare chiuso nel traffico dell’attacco e così per prendere la palla torno un po’ più indietro, in modo da far girare la squadra o cercare l’imbucata per le altre punte». E le cose girano a meraviglia, anche se possono sempre andare meglio: «Nelle ultime partite mi è mancato il gol, con l’Inter e il Crotone sono stato sfortunato tra legni e parate ma sono contento lo stesso, perché penso che sto giocando bene e facendo un lavoro utile alla squadra». Il focus passa poi alla CHampions e alla sfida della prossima settimana inc asa del Porto: «Ho chiesto informazioni a Alex Sandro che mi ha raccontato quanto sia calda l’atmosfera. Ma ora c’è da pensare solo al Palermo, solo dopo potremo staccare la spina del campionato per attaccare quella della Champions. Intanto complimenti al Psg (4-0 al Barcellona, ndr), autore di una grande prova con belissimi gol, bellsisimi gol e grande gara. Real-Napoli? Sarà una partita molto bella e secondo me gli azzurri, che giocano molto bene al calcio, non partono battuti».

Chiusura con la notizia più attesa dai tifosi juventini, quella del prolungamento del matrimonio con i campioni d’Italia, e con un record di Del Piero da non imitare: «Siamo vicinissimi al rinnovo, il mio agente deve atterrare in Italia per sistemare le ultime cose con Marotta ma l’accordo c’è.
Le 19 sostituzioni di fila di Alex? Prima del Crotone mi avevano riferito di questo dato e quindi mi aspettavo di uscire ancora, invece sono rimasto in campo fino alla fine. Se verrò richiamato in panchina comunque
– ribadisce Dybala – non ripeterò più l’errore di negare la mano ad Allegri».

 

Calciomercato Entella, ufficiale: arriva Lamine Ba

 

mercoledì 15 febbraio 2017 15:28

CHIAVARI – La Virtus Entella ha ufficializzato il tesseramento di Lemine Ba. Il difensore, classe ’97, è stato tesserato dalla società di Chiavari come giocatore svincolato. Nel corso della sua carriera ha indossato le maglie di Paris Saint Germain e Guingamp.

TUTTO SUL CALCIOMERCATO

TUTTO SULL’ENTELLA

Europa League, Fiorentina in salita con il Gladbach

Scommesse
Europa League, Fiorentina in salita con il Gladbach
© ANSA

Trasferta difficile per i viola secondo i bookmaker: il «2» è offerto a 3,50 ed è stato scelto nel 20% delle scommesse

Sullo stesso argomento

ROMA – Strada in salita per la Fiorentina sedicesimi di Europa League, con una “bocciatura” piuttosto netta per la prima sfida con il Borussia Mönchengladbach. Sul tabellone Microgame, la trasferta in Germania si apre a quota 3,50 per i viola, che ottengono il 20% delle preferenze; i biancoverdi, imbattuti nelle ultime cinque partite ufficiali, sono avanti a 2,05 e con il 65% delle scommesse dalla loro parte, mentre il pareggio vale 3,35 e si aggiudica il 15% delle scelte.

GOL E MARCATORI Sul versante gol, l’Under è avanti in tabellone (1,85), ma con qualche dubbio da parte dei quotisti: i viola hanno quattro Over alle spalle e un’altra partita da tre o più reti complessive è data a 1,88. Nelle scommesse sui marcatori spicca Raffael, brasiliano del M’Gladbach, a 2,40; Kalinic è vicino a 2,90, per Bernardeschi e Babacar si sale a 3,25.

Serie B un turno di stop a Mengoni (Ascoli) e Catellani (Entella)

Serie B
Serie B un turno di stop a Mengoni (Ascoli) e Catellani (Entella)
© LaPresse

Il Giudice Sportivo ha fermato due giocatori nel campionato cadetto

Sullo stesso argomento

MILANO – Il Giudice Sportivo ha comminato un turno di qualifica a Catellani, dell’Entella e a Mengoni, dell’Ascoli. Quest’ultimo, diffidato, è stato ammonito nel corso della parta di ieri contro la Pro Vercelli facendo così scattare la giornata di squalifica. Relativamente a Catellani, invece, si tratta di una rettifica. Il giocatore dell’Entella, diffidato e ammonito, non era stato infatti inserito per errore tecnico all’interno della lista degli squalificati.

CALENDARIO SERIE B

IL COMUNICATO – Questa la parte del comunicato relativa a Catellani: “preso atto che da una verifica effettuata il calciatore CATELLANI Andrea (Virtus Entella), prima della gara in oggetto, risultava essere diffidato e che, per un mero errore tecnico, l’ammonizione riportata nel referto arbitrale non ha comportato il consequenziale inserimento nell’elenco dei calciatori squalificati del C.U. 86 del 14 febbraio 2017; delibera di rettificare il C.U. 86 del 14 febbraio 2017 e di comminare la squalifica per una giornata effettiva di gara al calciatore CATELLANI Andrea (Virtus Entella) per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione)”.

CLASSIFICA SERIE B

Serie A Crotone, Nalini: «A Bergamo per fare punti salvezza»

Crotone
Serie A Crotone, Nalini: «A Bergamo per fare punti salvezza»
© LaPresse

L’attaccante: «L’Atalanta è una squadra fortissima e la classifica lo rispecchia, hanno molta qualità, ma noi non dobbiamo avere paura di nessuno»

Sullo stesso argomento

CROTONE – Si avvicina per il Crotone la gara di sabato contro l’Atalanta. Andrea Nalini, nonostante sa che non sarà una gara facile, vuole portare a casa i punti per la corsa salvezza. Queste le parole dell’attaccante: “Stiamo facendo quello che ci chiede il mister, dobbiamo comunque mantenere un profilo basso, lavorare sulle lacune che abbiamo avuto fino a qui. Credo che il lavoro giornaliero poi ci porti dei vantaggi. La prestazione da parte nostra c’è sempre stata, dispiace perchè alcune occasioni che ci sono capitate avremmo potuto sfruttarle al meglio. Non dobbiamo buttarci giù, tenere il morale alto e arrivare a Bergamo e fare ciò che ci chiede il mister. Sappiamo che l’Atalanta è una squadra fortissima e la classifica lo rispecchia, hanno molta qualità, ma noi non dobbiamo avere paura di nessuno, andiamo a Bergamo per giocarci la nostra partita. Ci servono punti per salvarci e dobbiamo raggiungere questo obiettivo”.

TUTTO SUL CROTONE

DO IL MASSIMO – “Sono contentissimo di essere qui e di far parte di questo gruppo, quando il mister mi chiama in causa io cerco di dare il massimo e di esaltare le mie caratteristiche per aiutare la squadra. Perchè prima arriva il gruppo e poi i singoli”.

CLASSIFICA SERIE A